back to top

TORNO CASA DI ELSA BETTELLA

Una serie di appunti, di ricordi, di nomi e un alfabeto che fa da filo conduttore dei pensieri, e riunisce idealmente Padova, città natale dell’autrice Elsa Bettella, l’Australia, uno dei Paesi che l’ha ospitata per un periodo della sua vita e dove vive la figlia, e Assisi. Ognuno di questi luoghi porta con sé una parte della scrittrice, che vuole raccontare e raccontarsi, anche se non tutto è autobiografico, mettendo assieme tanti pensieri, aneddoti, storie di persone, tra cui ci sono i suoi genitori, le persone estranei che incrocia, di cui immagina la vita, gli amori e le debolezze. “Torno casa” è un racconto distopico, che descrive e rappresenta cioè uno stato delle cose e, spesso “le cose” sono sensazioni e modi di essere, che restano dentro per tanti anni ed escono nei momenti più impensati, ad esempio quando la protagonista si ritrova in mare con una bottiglia che contiene una poesia. “Scrivere di mio padre e mia madre e di Padova : la loro città, per ritrovarmi” si legge nelle prime righe del libro edito da Cleup. Il racconto diventa la ricerca delle proprie radici. Bruno e Zora si sono incontrati in via Palestro e, durante la guerra, era il 1942, si sono sposati. I ricordi volano distanti, ed Elsa Bettella li ricuce tra un appunto sul telefono, note sui fogli e battute al pc, tra un viaggio che la porta in Australia dalla figlia, e le tante tappe della sua vita, delle persone incrociate a Torino, a Milano, tra un lavoro e l’altro, tra una parentesi di vita e l’altra. La prima parte però racconta Padova, dove l’autrice ha con sé una presenza: gira per le strade della città “assieme” a Jacques Le Goff, il famoso medievista francese, che diventa la memoria storia della città. Nell’alfabeto che fa da filo conduttore si passa dalla “b” di Brenta e Bacchiglione alla “bet” degli ebrei deportati a Vo’, alla “c” di chiese, Colli, claudicanza, alla “e” di Eremitani”. Tutto si mescola in un fiume di ricordi, descritti in maniera dettagliata ma agile, dove la vita di due donne si ritrova.